Spese di spedizione gratuite per ordini superiori a 89€

Ungaretti, Bianca e Riserva del Nonno – amore e bollicine

“Questo volevo dire: sfogliando la lista dei vini ho trovato un ‘Bosca 1955 – riserva del nonno’. Come fare a non metterci sopra le mani? ‘Era lu vinu per me’. ‘No, eh?’ diresti nella parlata italiana paolista, mentre scrivi un italiano degno d’un padre Segneri o di chi sa chi sappia scriverlo con purezza. Ora bevo la ‘riserva del nonno’ – e mi fa bene. Brindo, brindo/ brindo, e brindo alla Tua salute! Evviva, Bruna, lunghi anni, lunghi anni felici!

Bruna è Bruna Bianco, poetessa e avvocato italo-brasiliana, e l’autore di queste righe è Giuseppe Ungaretti, ‘Ungà’ per Bianca, e solo per lei.

Il rapporto autentico tra la donna, all’epoca poco più che ventenne, e il poeta ermetico che già aveva superato i 70, è uscito dall’ombra del “si dice – si racconta” per finire sulle pagine di “Lettere a Bruna”, il libro edito da Mondadori che abbiamo avuto l’onore di presentare insieme all’autrice lo scorso 30 settembre proprio a Canelli.

Proprio dove è nata la storia

Già, perché è a Canelli che lavora il padre di Bianca, e più precisamente qui, negli stabilimenti Bosca. Fu mio nonno Luigi II a chiedere, tra il 1948 e il 1956, al signor Bianco di curare l’apertura della filiale Bosca in Brasile. Bianca si trasferì oltreoceano con la famiglia ed è proprio a San Paolo che incontrò il poeta.

Bianca fece leggere al maestro le sue poesie, ricevendo complimenti e inviti a continuare con la sua arte. Il resto è storia – d’amore – scandita da lettere e da… bollicine!

Ungaretti, infatti, amava il nostro Metodo Classico Riserva del Nonno, nominato in alcune delle lettere riportate sul libro di Bruna Bianco.

Oggi noi di Bosca brindiamo a Bruna e con Bruna e al suo Ungà, ovviamente con un calice di Riserva del Nonno. Puoi brindare con noi, se lo desideri: la Riserva del Nonno la trovi qui.

Pia Bosca

CEO Bosca SpA Pia è nata ad Asti nel 1969, nella sesta generazione della famiglia che si occupa dell’azienda di casa dal 1831. Da sempre ha respirato l’aria del mondo dello spumante, sparkling in ogni sua sfaccettatura. Tanto che il papà Luigiterzo, per festeggiare il primo mese di Pia, sembra le abbia fatto assaggiare il suo più prezioso spumante intingendovi il mignolo: in famiglia si racconta che, quel giorno, separare Pia da quel goccio di spumante sia stato praticamente impossibile! Laureata in Giurisprudenza, oggi Pia è sposata e ha una bimba che ha iniziato alla vita allo stesso modo. Gestisce Bosca assieme ai fratelli: un lavoro che è anche una passione.

Carrello

  • Nessun prodotto nel carrello.
  • Per visitare il sito Bosca è necessario avere l'età consentita dalla legge per acquistare o consumare alcolici.
    Se nel tuo paese non esiste una legislazione in merito, devi avere almeno 21 anni.

    Accetto i termini e le condizioni di questo sito

    Privacy Policy